CONDIVIDI
Serie A, 20° giornata: Torino - Milan, probabili formazioni e ultime news.

Serie A, Bologna-Milan: Montella e l’importanza di chiamarsi Bacca. Domani, mercoledì 8 febbraio 2017, alle 20:45 il Milan torna in campo allo Stadio Dall’Ara di Bologna per recuperare la partita del 18° turno di Serie A, rinviata a causa della finale di Supercoppa Italiana del 22 dicembre disputata a Doha. Una partita chiave per i rossoneri, attualmente fermi a 37 punti e superati in classifica nelle ultime settimane da Lazio, Atalanta e Inter. Per conquistare un posto in Europa sarà necessario per Montella vincere a Bologna e rilanciarsi dopo le ultime quattro sconfitte consecutive, rimediate tra campionato e Coppa Italia. A destabilizzare l’ambiente rossonero ci hanno pensato anche il caso Bacca e le voci riguardanti Roberto Mancini, che alcuni media vedono sulla panchina del Milan l’anno prossimo.

Serie A, Bologna-Milan: Montella e l’importanza di chiamarsi Bacca.

In particolare il centravanti colombiano non è nuovo a screzi con il suo allenatore: l’ultimo era avvenuto dopo Milan-Pescara. In quel caso fu lo stesso Bacca a riprendersi il posto da titolare nelle partite successive con prestazioni convincenti dopo un infortunio muscolare e il caso rientrò. Ora la situazione sembra cambiata. Il trentenne ex Siviglia ha chiesto scusa alla squadra e a Montella, ma restano i problemi tattici: il suo modo di giocare si integra poco nel 4-3-3 milanista. A Bologna potrebbe partire titolare Gianluca Lapadula, bomber “operaio” di 27 anni (compiuti oggi) che viene dalla serie B ma ha dimostrato grande grinta e voglia di incidere e sacrificarsi per la squadra.

Contro la Sampdoria l’attaccante italo-peruviano ha fallito il gol del pareggio, ma i tifosi apprezzano il suo stile di gioco. Il palmares tra i due attaccanti è nettamente diverso: due Europa League vinte da protagonista col Siviglia per Bacca; un campionato di serie B col Pescara per Lapadula. L’età e il momento di forma però sono dalla parte del pupillo del presidente Berlusconi, che lo scelse dopo aver visto la finale d’andata dei playoff Pescara-Trapani, vinta dagli abruzzesi con una doppietta del loro ex numero 9.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Segui KNews.it su Facebook