CONDIVIDI
Serie A, Juventus-Inter: l'uragano Cuadrado travolge i nerazzurri.

Serie A, Juventus-Inter: l’uragano Cuadrado travolge i nerazzurri. Come era lecito aspettarsi, Juventus-Inter è stato un match spettacolare tra due grandi squadre che si sono affrontate a viso aperto. Da una parte la prima della classe, dall’altra la squadra più in forma del campionato in questo momento della stagione. I nerazzurri erano reduci da sette vittorie consecutive, ottenute grazie al cambio di passo impresso dalla nuova gestione Pioli. Max Allegri ha scelto di giocarsela con tutte le 5 stelle in campo e preferendo la solidità di Khedira al rientrante Marchisio, reduce da un piccolo affaticamento muscolare. Stefano Pioli ha voluto cambiare modulo, optando per la difesa a 3 con Medel centrale e Candreva leggermente arretrato, sulla linea dei centrocampisti. Parte benissimo la Juventus, che va vicina al gol in due occasioni con Paulo Dybala: rovesciata ad inizio gara e sinistro all’incrocio dei pali al 12′.

Serie A, Juventus-Inter: l’uragano Cuadrado travolge i nerazzurri.

Poi esce bene l’Inter che nella seconda parte del primo tempo gioca bene sfiorando il gol con un destro di Joao Mario al 22′ che sfiora il palo alla destra di Buffon. Al 44′ arriva il secondo legno colpito dai bianconeri con la punizione di Pjanic, leggermente deviata da Handanovic. Sul calcio d’angolo successivo Juan Cuadrado porta in vantaggio i bianconeri con un destro potentissimo al volo che sorprende un incolpevole Handanovic, fin lì migliore in campo per l’Inter. Il gol al 45′ taglia le gambe ai nerazzurri, che all’inizio del secondo tempo rischiano di incassare il secondo gol con un destro di Pjanic parato da Handanovic. Nella ripresa l’Inter inserisce Kondogbia, Eder e Palacio al posto di Candreva, Brozovic e Joao Mario.

La Juve cambia Cuadrado, Lichtsteiner e Dybala al posto di Marchisio, Dani Alves e Rugani. L’Inter non riesce a creare chiare occasioni da gol, tranne due mischie pericolose in area di rigore. Vince la Juventus meritatamente, contro un’ottima Inter che è stata capace di metterla in difficoltà più del Napoli e della Roma. Pioli protesta a fine gara per due episodi dubbi, ma la moviola sembra dare ragione a Rizzoli e ai suoi collaboratori. La squadra di Pioli rischia però di perdere Icardi e Perisic per qualche giornata, a causa delle intemperanze contro l’arbitro. La Juventus consolida il proprio primato e vola a +6 sul Napoli secondo, con una partita ancora da recuperare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Segui KNews.it su Facebook